Camus e Dostoevskij

L’inizio de I demoni e de La peste mostrano la vicinanza e la distanza fra Camus e Dostoevskij. Ambientano le loro storie in città normali, prive di eccezionalità. Uomini e donne “banali” di fronte all’irrompere dell’irrazionale e della distruzione. Ma anche le differenze.

I demoni

Nell’accingermi alla descrizione dei recenti e così strani avvenimenti accaduti nella nostra città, che nulla ha mai fatto distinguere finora, sono costretto, per mia inesperienza, a cominciare un po’ da lontano, e precisamente da certi particolari biografici sul geniale e molto riverito Stepàn Trofimovic Verchevenskij. Valgano questi particolari solo d’introduzione alla presente cronaca; lo storia poi, che intendo narrare, verrà in seguito.

Fedor Dostoevskij, I demoni, Einaudi, Torino, 1994, capitolo I. Pubblicato nel 1871

La peste

I singolari avvenimenti che danno materia a questa cronaca si sono verificati nel 194… a Orano; per opinione generale, non vi erano al loro posto, uscendo un po’ dall’ordinario: a prima vista, infatti, Orano è una città delle solite, null’altro che una prefettura francese della costa algerina.

Albert Camus, La peste, Bompiani, Milano, 1982, capitolo I. Pubblicato nel 1947.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: