Libro in tasca

Riprende anche per il 2012 il ciclo “Il libro in tasca” proposto dalla Società Filosofica Italiana sezione Torino-Vercelli per gli studenti delle scuole secondarie. In ciascun incontro un filosofo legge, commenta e discute con gli studenti un classico della filosofia.

Gli incontri si tengono la mattina al Circolo dei lettori in via Bogino, 9 – Torino.

Invito alla lettura filosofica

J. J. Rousseau,  Discorso sull’origine e i fondamenti dell’ineguaglianza tra gli uomini

15 marzo 2012. Ore 10,30

Lettura di  Enrico Pasini. Docente di Storia della filosofia moderna presso l’Università di Torino.
Modera Mariangela Ariotti

Questo primo incontro è dedicato a J. J. Rousseau di cui ricorre il terzo centenario della nascita. Attraverso le pagine del Discorso sulle origini della diseguaglianza si vuole affrontare il problema del  “perché nella storia degli uomini è andata a finire che alcuni hanno di più e altri di meno e perché gli uomini hanno accettato questo?”

Pascal: la condizione dell’uomo

29 marzo 2012 Ore 10,30

Lettura di Claudio Ciancio. Docente di Filosofia teoretica presso l’Università del Piemonte Orientale. E’ Presidente del “Centro Studi filosofico-religiosi Luigi Pareyson” (Torino).
Modera Mariangela Ariotti

Contraddizione e paradosso sono i tratti che caratterizzano l’analisi pascaliana della condizione umana. E l’ultimo dei paradossi è il fatto che la fede cristiana è allo stesso tempo il presupposto dell’analisi e la soluzione dei problemi che essa pone. Di modo che da un lato può essere vista come momento di un discorso apologetico, ma dall’altro può essere svincolata da esso per costituire una delle più penetranti interpretazioni filosofiche dell’esistenza.

L’esperienza dello spirito nella Fenomenologia di Hegel

19 aprile 2012 Ore 10,30

Lettura di Maurizio Pagano. Docente di Filosofia della Comunicazione presso l’Università del Piemonte Orientale “A. Avogadro” nella sede di Vercelli. E’ direttore del Centro Studi Filosofico-religiosi “Luigi Pareyson” di Torino.
Modera Mariangela Ariotti

La “Prefazione” della Fenomenologia dello spirito si può considerare come il manifesto del pensiero di Hegel, dove egli espone in una forma relativamente accessibile il nucleo del suo pensiero. L’analisi del suo tempo come epoca di crisi e di transizione introduce la sua proposta teorica, che intende il vero come l’intero e l’assoluto come soggetto e come spirito. Su questo si basa il carattere sistematico, razionale e dialettico del suo pensiero.

Per informazioni:

Segreteria della sezione Torino – Vercelli: Segreteria

Per prenotazioni:

Circolo dei lettori: info@circololettori.it

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: